facebook
twitter
logo
koparion-responsive-prestashop-theme-logo-1524569937

Sede: Via Santo Stefano in Pane, 23/D 50134 Firenze (FI)

Telefono: (+39) 3935630983  -  Email: info@marinoeditore.it

2017 Marino Editore srl – p.iva IT06719750488.

Copyright. All Rights Reserved

Designed by mbdesign

Libri e E-book

 

NewCondition1.22
In stock

VERSIONE E-BOOK AI FINI DEL CONCORSO L'ITALIA CHE VORREI - II Edizione

Alessanro, Simone, Stella, Arran, Giulia e altri ragazzi vogliono cambiare, vogliono agire, vogliono sognare più in grande. Ma in un quartiere come Borgo Panigale, popolato da storie intrigate, racconti e segreti, angoli bui e nascosti, non è semplice. Tutto ruota attorno a quattro case, una chiesa, un bar e poche signore pettegole. E una notte che farà tremare qualsiasi cuore...Scopri di più sull'autore - STELLA ELGERSMA

40132<br>Stella-Elgersma40132<br>Stella-Elgersma40132<br>Stella-Elgersma

NewCondition8.9
In stock

"Angulus" non è un vero e proprio luogo fisico, è piuttosto una sorta di dimensione parallela, la metafora esistenziale di tutto ciò che c'è di più caro nella nostra vita e, anche se concretamente distante dalla realtà, è lo spazio in cui ci sentiamo più al sicuro.L'angulus non è necessariamente una sola "piattaforma" di rifugio, ma è un ente che beneficia di una pluralità quantitativa e qualitativa.Tecla, la protagonista del racconto, ne è consapevole, per questo di angulus ne vanta un certo numero: dal ponte al solito posto per incontrare Francesco, dall’amore per quest’ultimo all’amicizia di Adam e, ovviamente, l'incommensurabile affetto dei suoi genitori.Ognuno di noi nasconde dentro di sé o palesa al mondo intero il proprio angulus: questo ci insegna la protagonista di questa fresca storia, in cui l’incanto dell’adolescenza è tradotto dal costante interrogarsi e rispondersi dei giovani protagonisti sul proprio futuro.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - MATILDA BALDONI

ANGULUS<br>-Matilda-BalboniANGULUS<br>-Matilda-BalboniANGULUS<br>-Matilda-Balboni

NewCondition4.99
In stock

"Angulus" non è un vero e proprio luogo fisico, è piuttosto una sorta di dimensione parallela, la metafora esistenziale di tutto ciò che c'è di più caro nella nostra vita e, anche se concretamente distante dalla realtà, è lo spazio in cui ci sentiamo più al sicuro.L'angulus non è necessariamente una sola "piattaforma" di rifugio, ma è un ente che beneficia di una pluralità quantitativa e qualitativa.Tecla, la protagonista del racconto, ne è consapevole, per questo di angulus ne vanta un certo numero: dal ponte al solito posto per incontrare Francesco, dall’amore per quest’ultimo all’amicizia di Adam e, ovviamente, l'incommensurabile affetto dei suoi genitori.Ognuno di noi nasconde dentro di sé o palesa al mondo intero il proprio angulus: questo ci insegna la protagonista di questa fresca storia, in cui l’incanto dell’adolescenza è tradotto dal costante interrogarsi e rispondersi dei giovani protagonisti sul proprio futuro.Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sull'autore - MATILDA BALDONI

ANGULUS<br>Matilda-BalboniANGULUS<br>Matilda-Balboni

NewCondition8.9
In stock

L’Italia di Lorella è un viaggio tra due città: Reggio Calabria e Firenze. L’autrice elenca una serie di problematiche abbastanza conosciute e condivisibili del nostro paese augurandosi, in primis, una maggiore uguaglianza sociale che starebbe alla base di un auspicato miglioramento della condizione attuale in cui versa l’Italia. Attraverso la sua condizione personale cerca di approfondire le criticità che affrontano i nostri giovani, in particolare i ragazzi del sud, che trovano come rimedio e soluzione finale ai loro problemi l’emigrazione. Si parte dalla città di Reggio Calabria con destinazione Firenze, quest’ultima amata e scelta per le opportunità che offre nel campo dell’arte, materia prediletta dalla nostra autrice. In realtà nel racconto Lorella sembra affrontare questo viaggio più volte; sembra rimbalzare tra le due città legata da un amore intenso, anche se diverso, ai due luoghi della sua vita. Un racconto semplice ma pieno di sogni e speranze che spesso sconfinano negli ideali delle società utopiche come del resto si cita nel testo: “Vorrei un paese un po’ come la famosa Città del Sole, del nostro Tommaso Campanella, dove tutti hanno ciò di cui hanno bisogno, niente di più, niente di meno”. Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - LORELLA NERI

CARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-NeriCARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-NeriCARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-Neri

NewCondition4.99
In stock

L’Italia di Lorella è un viaggio tra due città: Reggio Calabria e Firenze. L’autrice elenca una serie di problematiche abbastanza conosciute e condivisibili del nostro paese augurandosi, in primis, una maggiore uguaglianza sociale che starebbe alla base di un auspicato miglioramento della condizione attuale in cui versa l’Italia. Attraverso la sua condizione personale cerca di approfondire le criticità che affrontano i nostri giovani, in particolare i ragazzi del sud, che trovano come rimedio e soluzione finale ai loro problemi l’emigrazione. Si parte dalla città di Reggio Calabria con destinazione Firenze, quest’ultima amata e scelta per le opportunità che offre nel campo dell’arte, materia prediletta dalla nostra autrice. In realtà nel racconto Lorella sembra affrontare questo viaggio più volte; sembra rimbalzare tra le due città legata da un amore intenso, anche se diverso, ai due luoghi della sua vita. Un racconto semplice ma pieno di sogni e speranze che spesso sconfinano negli ideali delle società utopiche come del resto si cita nel testo: “Vorrei un paese un po’ come la famosa Città del Sole, del nostro Tommaso Campanella, dove tutti hanno ciò di cui hanno bisogno, niente di più, niente di meno”. Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sull'autore - LORELLA NERI

CARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-NeriCARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-NeriCARA-ITALIA-VORREI<br>Lorella-Neri

NewCondition1.22
In stock

VERSIONE E-BOOK AI FINI DEL CONCORSO L'ITALIA CHE VORREI - II Edizione

Sono solo due fragili individui, disorientati tra tanti altri. Sembrano confondersi con la folla, ma il loro punto di vista è unico. Di colpo, sopra le loro teste, il cielo sembra vuoto. all’improvviso un vuoto anche dentro di loro. Sono impotenti, non possono farci nulla. La solitudine diventa insostenibile, le distanze incolmabili. La soluzione è sempre stata davanti ai loro occhi, a un passo, ma forse non è così facile da raggiungere. Magari perché per intraprendere quel passo bisogna per un istante perdere l’equilibrio...Scopri di più sull'autore - ANNA MOSCA

DISTANZE<br>Anna-MoscaDISTANZE<br>Anna-MoscaDISTANZE<br>Anna-Mosca

NewCondition1.22
In stock

VERSIONE E-BOOK AI FINI DEL CONCORSO L'ITALIA CHE VORREI - II Edizione

A Genova c’è una casa piccola, bianca, vicina al mare: è la casa di Diana, che ci vive da sempre insieme a suo nonno.Suo nonno Luca era uno degli uomini più felici ma allo stesso tempo silenziosi che ci fossero in giro. Era una nube di interrogativi sotto baffi bianchi e due grandi occhi neri. Sulle sue braccia c’erano vecchi tatuaggi colorati con mille storie di ragazzo; per Diana la sua pelle era bellissima, scura rispetto ai capelli bianchi. E lui era il punto di riferimento per domande e dubbi di qualsiasi tipo, e, in particolare, ciò che per lei era la fonte che più sprigionava impulsi di curiosità era il passato: forse perché per lei era proprio la figura di suo nonno a rappresentarlo, o forse perché le sembrava sempre di non conoscerlo completamente.....Scopri di più sull'autore - CHIARA GALASSO

IL-MARE-DOMANI<br>Chiara-GalassoIL-MARE-DOMANI<br>Chiara-GalassoIL-MARE-DOMANI<br>Chiara-Galasso

NewCondition8.9
In stock

“Il richiamo di casa” non è soltanto il titolo di questo breve romanzo, è molto di più… è la voce che ognuno di noi sente dentro il proprio cuore ogni qual volta siamo costretti ad allontanarci dalla terra natia per assecondare le inclinazioni personali, per seguire e sfamare i nostri sogni, per fare nuove esperienze, rivestire posizioni differenti da quelle usuali, crescere, responsabilizzarci esercitando nuove mansioni o, nella maggior parte dei casi, per sperimentare tu􀆩o ciò che nel proprio Paese pensiamo, forse con arroganza, che ci venga negato.È questo ciò che accade a Tecla, la protagonista della storia, che da cinquecentoquarantuno giorni vive sotto un cielo australiano, lontana dal suo Bel Paese.Tecla ha un lavoro che le permette di vivere, svolgendo ciò per cui ha studiato, un mestiere che la gratifica, ma che la fa vivere all’interno di una cornice che non le garantisce la felicità che merita.Tecla, seppure abbia la famiglia lontana, ha con sé una scatola di ricordi, piena di fotografie e memorie che ripercorrono la sua vita italiana, uno scrigno che fino ad ora ha tenuto nascosto, colmo dei suoi affetti tra luoghi e tempi diversi che, incrociandosi con la sua attualità la catapultano in quella dimensione antitetica tra passato e presente, fino a farle prendere la giusta decisione per il futuro che sogna.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - MERI MANGANIELLO

IL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-MaganielloIL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-MaganielloIL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-Maganiello

NewCondition4.99
In stock

“Il richiamo di casa” non è soltanto il titolo di questo breve romanzo, è molto di più… è la voce che ognuno di noi sente dentro il proprio cuore ogni qual volta siamo costretti ad allontanarci dalla terra natia per assecondare le inclinazioni personali, per seguire e sfamare i nostri sogni, per fare nuove esperienze, rivestire posizioni differenti da quelle usuali, crescere, responsabilizzarci esercitando nuove mansioni o, nella maggior parte dei casi, per sperimentare tu􀆩o ciò che nel proprio Paese pensiamo, forse con arroganza, che ci venga negato.È questo ciò che accade a Tecla, la protagonista della storia, che da cinquecentoquarantuno giorni vive sotto un cielo australiano, lontana dal suo Bel Paese.Tecla ha un lavoro che le permette di vivere, svolgendo ciò per cui ha studiato, un mestiere che la gratifica, ma che la fa vivere all’interno di una cornice che non le garantisce la felicità che merita.Tecla, seppure abbia la famiglia lontana, ha con sé una scatola di ricordi, piena di fotografie e memorie che ripercorrono la sua vita italiana, uno scrigno che fino ad ora ha tenuto nascosto, colmo dei suoi affetti tra luoghi e tempi diversi che, incrociandosi con la sua attualità la catapultano in quella dimensione antitetica tra passato e presente, fino a farle prendere la giusta decisione per il futuro che sogna.Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sull'autore - MERI MANGANIELLO

IL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-MaganielloIL-RICHIAMO-DI-CASA<br>Meri-Maganiello

NewCondition15
In stock

Il bar, il tavolino, il caffè è il secondo libro uscito dal cassetto di Mimmo Femia. Rispetto a quando uscì Verso il futuro (2011 - Città del Sole Edizioni), lui è sempre geometra, ma non più Funzionario Eni di sessant’anni. Ora è un pensionato di sessantasette anni. Sposato e con due figli, continua a vivere a Gerace (RC), a guardarsi intorno osservando tutto ciò che lo circonda… e a riempire i suoi cassetti di libri.Amante dei libri fin dalla tenera età, ogni sera concilia il sonno con un’ora di buona lettura, senza distinzione di generi e autori: romanzi, gialli, politica, criminalità, con una leggera predilezione per gli autori italiani e calabresi in particolare (Gangemi, Creaco, Abate, Cosentino).Amante anche della scrittura, suo sogno nel cassetto è stato sempre quello di scrivere e pubblicare un libro: c’è riuscito a sessant’anni, con “Verso il Futuro”. Nel frattempo il suo cassetto ha continuato ad accogliere bozze e manoscritti, in attesa di essere pubblicati.Dal pensionamento, nel 2014, che lui preferisce definire “quiescenza”, inizia a guardarsi intorno, nei luoghi dove ha sempre vissuto, ma che non ha mai potuto o saputo apprezzare. Quello che ascolta e vede “da fine osservatore quale si è sempre reputato”, lo stimola a scrivere questo secondo libro, con un sentimento di nostalgia mista a senso critico nei confronti di ciò che nella sua Gerace è stato, e forse sarà sempre, perfettibile, se solo i geracesi, e chi amministra il paese ancora di più, riusciranno a volgere il loro sguardo verso le potenzialità di cui la Città gode, per natura e storia, e che aspettano solo di essere sfruttate.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - MIMMO FEMIA

Il-Bar,-il-tavolino,-il-Caffè<br>Mimmo-FemiaIl-Bar,-il-tavolino,-il-Caffè<br>Mimmo-FemiaIl-Bar,-il-tavolino,-il-Caffè<br>Mimmo-Femia

NewCondition8.9
In stock

Il bar, il tavolino, il caffè è il secondo libro uscito dal cassetto di Mimmo Femia. Rispetto a quando uscì Verso il futuro (2011 - Città del Sole Edizioni), lui è sempre geometra, ma non più Funzionario Eni di sessant’anni. Ora è un pensionato di sessantasette anni. Sposato e con due figli, continua a vivere a Gerace (RC), a guardarsi intorno osservando tutto ciò che lo circonda… e a riempire i suoi cassetti di libri.Amante dei libri fin dalla tenera età, ogni sera concilia il sonno con un’ora di buona lettura, senza distinzione di generi e autori: romanzi, gialli, politica, criminalità, con una leggera predilezione per gli autori italiani e calabresi in particolare (Gangemi, Creaco, Abate, Cosentino).Amante anche della scrittura, suo sogno nel cassetto è stato sempre quello di scrivere e pubblicare un libro: c’è riuscito a sessant’anni, con “Verso il Futuro”. Nel frattempo il suo cassetto ha continuato ad accogliere bozze e manoscritti, in attesa di essere pubblicati.Dal pensionamento, nel 2014, che lui preferisce definire “quiescenza”, inizia a guardarsi intorno, nei luoghi dove ha sempre vissuto, ma che non ha mai potuto o saputo apprezzare. Quello che ascolta e vede “da fine osservatore quale si è sempre reputato”, lo stimola a scrivere questo secondo libro, con un sentimento di nostalgia mista a senso critico nei confronti di ciò che nella sua Gerace è stato, e forse sarà sempre, perfettibile, se solo i geracesi, e chi amministra il paese ancora di più, riusciranno a volgere il loro sguardo verso le potenzialità di cui la Città gode, per natura e storia, e che aspettano solo di essere sfruttate.Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sull'autore - MIMMO FEMIA

Il-Bar,-il-tavolino,-il-Caffè<br>Mimmo-FemiaIl-Bar,-il-tavolino,-il-Caffè<br>Mimmo-FemiaIl-Bar,-il-tavolino,-il-Caffè<br>Mimmo-Femia

NewCondition9
In stock

La conquista del potere è il tema fondante dell’opera di Luca Marturano. L’autore in particolare analizza quella che in un primo momento assume il significato di “rapina violenta”: il Colpo di Stato.In effetti il libro è un’analisi approfondita e ben documentata di questo fenomeno politico-militare che nel corso dei secoli ha subito profonde trasformazioni: dal classico colpo di Stato inteso nella sua accezione più comune alle più recenti forme gestite e ordite da enti sovranazionali che utilizzano settori differenti per mettere in atto tali processi. Uno su tutti, oggi più che mai attuale, è quello economico-finanziario attraverso il quale si tengono sotto scacco i governi nazionali ormai ridotti ad un “semplice” organo periferico di controllo dei popoli.Marturano puntualizza che: “Nell’immaginario collettivo, tuttavia, il colpo di Stato è inteso come un atto spesso clamoroso, con il cui termine si riecheggiano dure lotte per il potere, carri armati che frantumano con i loro cingoli d’acciaio gli asfalti […] anche le élites politiche possono violare la costituzione vigente e conquistare il potere politico in modo illegale”. In definitiva questo libro è, come sottolinea l’autore stesso, un esperimento ben riuscito “di delineare i tratti, le cause e le conseguenze del colpo di Stato come fenomeno politico, in riferimento al più ampio contesto sociale, culturale ed economico dei sistemi politici contemporanei”.Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sull'autore - LUCA MARTURANO

Il-colpo-di-stato-nel-mondo-contemporaneo<br>Luca-Marturano

NewCondition18
In stock

La conquista del potere è il tema fondante dell’opera di Luca Marturano. L’autore in particolare analizza quella che in un primo momento assume il significato di “rapina violenta”: il Colpo di Stato.In effetti il libro è un’analisi approfondita e ben documentata di questo fenomeno politico-militare che nel corso dei secoli ha subito profonde trasformazioni: dal classico colpo di Stato inteso nella sua accezione più comune alle più recenti forme gestite e ordite da enti sovranazionali che utilizzano settori differenti per mettere in atto tali processi. Uno su tutti, oggi più che mai attuale, è quello economico-finanziario attraverso il quale si tengono sotto scacco i governi nazionali ormai ridotti ad un “semplice” organo periferico di controllo dei popoli.Marturano puntualizza che: “Nell’immaginario collettivo, tuttavia, il colpo di Stato è inteso come un atto spesso clamoroso, con il cui termine si riecheggiano dure lotte per il potere, carri armati che frantumano con i loro cingoli d’acciaio gli asfalti […] anche le élites politiche possono violare la costituzione vigente e conquistare il potere politico in modo illegale”. In definitiva questo libro è, come sottolinea l’autore stesso, un esperimento ben riuscito “di delineare i tratti, le cause e le conseguenze del colpo di Stato come fenomeno politico, in riferimento al più ampio contesto sociale, culturale ed economico dei sistemi politici contemporanei”.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - LUCA MARTURANO

Il-colpo-di-stato-nel-mondo-contemporaneo<br>Luca-MarturanoIl-colpo-di-stato-nel-mondo-contemporaneo<br>Luca-MarturanoIl-colpo-di-stato-nel-mondo-contemporaneo<br>Luca-Marturano

NewCondition4.99
In stock

“La forza della vita” potrebbe essere il sottotitolo del libro di Nicola Mongiardo. Vera, la protagonista di questo romanzo, dalla trama lineare ed avvincente, rappresenta l’essenza caratterizzante del genere umano: la forza dell’amore per la vita in ogni sua forma. In un contesto diametralmente opposto, la Germania Hitleriana, dove il disprezzo razziale e l’odio verso il “diverso” diventano “normalità”, dove l’uccisione di un essere umano giudicato “inferiore” diventa gioco e divertimento, dove la dignità umana viene calpestata, offesa e vilipesa con naturalezza, la forza, la tenacia, il coraggio di Vera, il suo amore per la vita, squarciano quella cupa coltre malefica che ha offuscato interi periodi della nostra storia. L’autore riesce attraverso la costruzione coinvolgente di situazioni, dinamiche e personaggi a descrivere i lati più contraddittori e ambigui del genere umano, il riproporsi continuo del duplice aspetto del nostro essere, quel Caino e Abele che ci accompagnano sin dall’embrione della società moderna. Ma nonostante tutto Vera ci ricorda una verità spesso occultata, perché temuta, dalla cultura del dominio e della prevaricazione: “… non esiste la parola fine … il futuro non può mai morire, non può essere ucciso o debellato da nessun regime”. Bentornata Hancka!Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sull'autore - NICOLA MONGIARDO

Il-secolo-nudo<br>Nicola-MongiardoIl-secolo-nudo<br>Nicola-Mongiardo

NewCondition15
In stock

“La forza della vita” potrebbe essere il sottotitolo del libro di Nicola Mongiardo. Vera, la protagonista di questo romanzo, dalla trama lineare ed avvincente, rappresenta l’essenza caratterizzante del genere umano: la forza dell’amore per la vita in ogni sua forma. In un contesto diametralmente opposto, la Germania Hitleriana, dove il disprezzo razziale e l’odio verso il “diverso” diventano “normalità”, dove l’uccisione di un essere umano giudicato “inferiore” diventa gioco e divertimento, dove la dignità umana viene calpestata, offesa e vilipesa con naturalezza, la forza, la tenacia, il coraggio di Vera, il suo amore per la vita, squarciano quella cupa coltre malefica che ha offuscato interi periodi della nostra storia. L’autore riesce attraverso la costruzione coinvolgente di situazioni, dinamiche e personaggi a descrivere i lati più contraddittori e ambigui del genere umano, il riproporsi continuo del duplice aspetto del nostro essere, quel Caino e Abele che ci accompagnano sin dall’embrione della società moderna. Ma nonostante tutto Vera ci ricorda una verità spesso occultata, perché temuta, dalla cultura del dominio e della prevaricazione: “… non esiste la parola fine … il futuro non può mai morire, non può essere ucciso o debellato da nessun regime”. Bentornata Hancka!Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - NICOLA MONGIARDO

Il-secolo-nudo<br>Nicola-MongiardoIl-secolo-nudo<br>Nicola-MongiardoIl-secolo-nudo<br>Nicola-Mongiardo

NewCondition8.9
In stock

Il racconto della giovane Emanuela Francini è frutto del carattere determinato, dell’educazione orientata ai valori, al sacrificio personale e al rispetto del prossimo, e delle forti aspirazioni dell’autrice.Emanuela, attraverso gli occhi e la narrazione della protagonista Sofia, sogna un futuro migliore per il nostro Paese, nel quale i più meritevoli possano ambire, con l’impegno e i valori, ad emergere ed affermarsi. In questa prova narrativa, Emanuela è in grado di far emergere i buoni sentimenti dei protagonisti, lasciando intuire la cultura integra e positiva di chi scrive. Le riflessioni proposte sono mature, eppure scivolano via leggere perché la lettura è resa viva ed efficace dai dialoghi e dagli scenari diretti e immediati, ma soprattutto spontanei.Una prova, quella dell’Italia di Sofia, che supera a pieni voti il giudizio del pubblico online: con il racconto la scrittrice ha ricevuto il premio nella categoria “social”.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sull'autore - EMANUELA FRANCINI

L'ITALIA-DI-SOFIA<br>Emanuela-FranciniLEmanuela-Francini' title='L'ITALIA-DI-SOFIA
Emanuela-Francini' />LEmanuela-Francini' title='L'ITALIA-DI-SOFIA
Emanuela-Francini' />

NewCondition4.99
In stock

Il racconto della giovane Emanuela Francini è frutto del carattere determinato, dell’educazione orientata ai valori, al sacrificio personale e al rispetto del prossimo, e delle forti aspirazioni dell’autrice.Emanuela, attraverso gli occhi e la narrazione della protagonista Sofia, sogna un futuro migliore per il nostro Paese, nel quale i più meritevoli possano ambire, con l’impegno e i valori, ad emergere ed affermarsi. In questa prova narrativa, Emanuela è in grado di far emergere i buoni sentimenti dei protagonisti, lasciando intuire la cultura integra e positiva di chi scrive. Le riflessioni proposte sono mature, eppure scivolano via leggere perché la lettura è resa viva ed efficace dai dialoghi e dagli scenari diretti e immediati, ma soprattutto spontanei.Una prova, quella dell’Italia di Sofia, che supera a pieni voti il giudizio del pubblico online: con il racconto la scrittrice ha ricevuto il premio nella categoria “social”.Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sull'autore - EMANUELA FRANCINI

L'ITALIA-DI-SOFIA<br>Emanuela-FranciniLEmanuela-Francini' title='L'ITALIA-DI-SOFIA
Emanuela-Francini' />

NewCondition8.9
In stock

Il bene e il male spesso rappresentano le facce di una stessa medaglia, un amuleto che ognuno di noi inconsciamente possiede. Federica e Dafne in questo racconto ci mostrano come la realtà spesso non è quella che vediamo, che il male ed il bene si confondono, si nascondono, si mescolano. Angeli, demoni, streghe, vampiri, fanno parte della vita di tutti i giorni, spesso hanno anche un loro fascino tale da farci perdutamente innamorare. Questo racconto accattivante spinge il lettore a riflettere sulla vera essenza di tutto ciò che ci circonda, senza fermarsi alle apparenze. In qualche modo le autrici ci ricordano che è sempre sbagliato fare “di tutta l’erba un fascio” e che le persone vanno giudicate per quel che fanno e non per il loro aspetto. Insomma anche se in maniera poco esplicita e molto fantasiosa, immortalano un momento storico, quello attuale, che si muove in direzione opposta a quella da loro indicata. Apparenza, pregiudizi e diffidenza sono i valori che sempre più pervadono la nostra società.Acquista la versione E-Book - Versione E-BookScopri di più sulle autrici - DAFNE DI SILVESTRO - FEDERICA CACCAMO

L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO<br>Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-SilvestroLFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />LFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />LFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />

NewCondition4.99
In stock

Il bene e il male spesso rappresentano le facce di una stessa medaglia, un amuleto che ognuno di noi inconsciamente possiede. Federica e Dafne in questo racconto ci mostrano come la realtà spesso non è quella che vediamo, che il male ed il bene si confondono, si nascondono, si mescolano. Angeli, demoni, streghe, vampiri, fanno parte della vita di tutti i giorni, spesso hanno anche un loro fascino tale da farci perdutamente innamorare. Questo racconto accattivante spinge il lettore a riflettere sulla vera essenza di tutto ciò che ci circonda, senza fermarsi alle apparenze. In qualche modo le autrici ci ricordano che è sempre sbagliato fare “di tutta l’erba un fascio” e che le persone vanno giudicate per quel che fanno e non per il loro aspetto. Insomma anche se in maniera poco esplicita e molto fantasiosa, immortalano un momento storico, quello attuale, che si muove in direzione opposta a quella da loro indicata. Apparenza, pregiudizi e diffidenza sono i valori che sempre più pervadono la nostra società.Acquista la versione Cartacea - Versione CartaceaScopri di più sulle autrici - DAFNE DI SILVESTRO - FEDERICA CACCAMO

L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO<br>Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-SilvestroLFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />LFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />LFederica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' title='L'OSCURITÀ-DELL'ANGELO
Federica-Caccamo-e-Dafne-Di-Silvestro' />

NewCondition1.22
In stock

VERSIONE E-BOOK AI FINI DEL CONCORSO L'ITALIA CHE VORREI - II Edizione

Suicidio. Questa era la parola che risuonava per le vie della città in quei giorni. Una ragazza di nome Greta è stata trovata esanime da un passante, si era gettata dal balcone di casa sua poco dopo essere tornata da scuola. L’unico a non credere che l’adolescente avesse deciso di togliersi la vita era la persona che la conosceva di più: il suo migliore amico Giovanni. Egli in cuor suo sente che la ragazza sia stata assassinata e che questo sia un ennesimo caso di femminicidio. Si, in un paese “civile” come il nostro, un’altra donna poteva esser stata uccisa e un ipotetico omicida poteva trovarsi ancora a piede libero… bisognava scovare assolutamente la verità. Dopo giorni di indagini e di interrogatori vari, Giovanni riesce ad arrivare ad una clamorosa conclusione, la quale sconvolgerà gli animi della città e dell’Italia intera… quale sarà? Greta si sarà suicidata o sarà stata uccisa? Un giallo che aiuta a riflettere su una problematica attuale che sconvolge le coscienze: il femminicidio.Scopri di più sull'autore - SAMUEL MARINO

L'ULTIMA-NEGAZIONEI<br>Samuel-MarinoLSamuel-Marino' title='L'ULTIMA-NEGAZIONEI
Samuel-Marino' />LSamuel-Marino' title='L'ULTIMA-NEGAZIONEI
Samuel-Marino' />